Taccuino elettorale

 ……………………………………………………………………………………………………………….

27 febbraio

articolo 27 febbraio parte 1articolo 27 febbraio parte 2

  ……………………………………………………………………………………………………………….

22 febbraio

Finisce la campagna elettorale

Ada Urbani:

temi etici, più lavoro, più sviluppo e meno spese

“Alla fine della campagna elettorale, tirando le somme, sono soddisfatta perché ho incontrato tantissima gente in piccoli e grandi gruppi come molte categorie economiche e sociali. Con ciascuno ho parlato principalmente dei temi di loro interesse e di come il PdL aveva programmato di affrontarli nel programma per risolverli. Ai giovani e alle donne ho parlato soprattutto di famiglia, lavoro come ai tanti non più giovani perdenti lavoro. immagine-nikon-3239Alle categorie economiche ho parlato di sgravi fiscali, di potenziamento del fondo di garanzia, di velocizzazione dei pagamenti della Pubblica Amministrazione, della diminuzione della burocrazia, dei costi dello Stato e della politica, di “filiera corta”, di misure per il lavoro e lo sviluppo. Anche le riforme del lavoro e delle pensioni sono state oggetto dei confronti politici a cui ho partecipato anche con personaggi di spicco del partito, quali Renato Brunetta, Maurizio Sacconi, Angelino Alfano, Luigi Grillo, Margherita Boniver e Diana De Feo. Con tutti ho anche approfondito la necessità di rafforzare i temi etici propri della nostra cultura Italiana. A quanti non sono riuscita a parlare direttamente ho inviato dei pensieri scritti e il programma politico del PDL. Ho scritto anche al mondo ecclesiale, al quale ho assicurato, nel caso fossi eletta, che avrei continuato ad impegnarmi per tutelare e promuovere i temi valoriali sulla vita e la famiglia, così come ho fatto fin da quando, con il collega De Lillo, abbiamo fondato l‘Associazione parlamentare per la vita. La polemica che Don Formenton ha scatenatato sul web, malgrado la stroncatura(ma le sue idee sono a tutti note), ha acceso l’attenzione su questioni che le ristrettezze della crisi forse qualcuno aveva riposte. Grazie al suo intervento ,tanti hanno riflettuto ,lo rilevo dalle risposte di apprezzamento che ho ricevute. Pertanto, mi prendo anche le valutazioni negative di don Gianfranco, che rispetto come sue opinioni personali, perché mi ha permesso di confrontarmi con tante persone su temi ai quali tengo particolarmente.

……………………………………………………………………………………………………………….

21 febbraio

articolo 25 febbraio……………………………………………………………………………………………………………….

19 febbraio

terni_carcere

Casa circondariale di Terni

untitled

Casa di reclusione di Spoleto

Due lunghe visite ai carceri di Spoleto e Terni dai risvolti particolarmente importanti sono state fatte dalla senatrice Ada Urbani che ha così commentato questi momenti: “Ho voluto rendermi conto della reale situazione delle carceri e dei problemi che ci sono. Giustamente nel nostro programma elettorale viene sottolineata, accanto alla certezza della pena, la tutela della persona detenuta, che deve trovare, mentre paga il suo debito con la giustizia, occasione di recupero e riscatto. Ho toccato con mano anche le varie situazioni e i diversi regimi carcerari – ha concluso la senatrice Urbani – A Spoleto e Terni, in verità, ho trovato penitenziari in condizioni di eccellenza rispetto ad altri istituti di pena. Va riconosciuto che questo si deve anche al personale della polizia penitenziaria che lavora ben oltre il proprio dovere e con una abnegazione ammirevole malgrado organici sottodimensionati”.

Successivamente la senatrice Ada Urbani si è recata prima a Giove e quindi ad Orvieto per incontrare gli elettori. Le riunioni sono state molto partecipate e gli intervenuti hanno potuto approfondire la conoscenza del programma del PdL. 

 

Punto 19 del programma elettorale del PdL: Giustizia

  • Separazione delle carriere tra magistrati inquirenti e giudicanti.
  • Vera responsabilità civile dei magistrati.
  • Carriera dei magistrati basata più sul merito che sulla anzianità.
  • Norme più liberali e garantiste su intercettazioni.
  • Divieto di pubblicazione delle intercettazioni.
  • Inappellabilità delle sentenze di assoluzione.
  • Revisione e limitazione degli incarichi extragiudiziari dei magistrati.
  • Limitazione della carcerazione preventiva, maggior dignità per i cittadini detenuti e incentivazione del lavoro nelle carceri.
  • Piena e totale implementazione dell’informatizzazione della giustizia e processo telematico.
  • Riduzione dei tempi della giustizia civile, penale e tributaria.
  • Attuazione del giusto processo, con pari dignità tra accusa e difesa.
  • Potenziamento della legislazione sui reati contro il patrimonio (furti in appartamenti e ville, rapine).
  • Istituzione di una sezione distaccata del Consiglio di Stato al Nord.

……………………………………………………………………………………………………………….

18 febbraio

Durante il dibattito elettorale televisivo su Tef channel, organizzato dal Forum delle Organizzazioni familiari, insieme ad altre candidate di vari partiti (assente la rappresentante del Partito Democratico), la senatrice Ada Urbani ha esposto i punti programmatici del PdL per la famiglia.

Nel pomeriggio la senatrice è stata a Perugia a colloquio con i vertici regionali della Coldiretti. Il confronto, richiesto dalla più grande organizzazione dei coltivatori italiani, ha messo in evidenza l’importanza e la congruità delle proposte del PdL per l’agricoltura.

 ……………………………………………………………………………………………………………….

17 febbraio

brunetta 17 febbraioL’intervento dell’on. Brunetta al Centro fiere di Bastia Umbra a sostegno della campagna elettorale del PdL, ha visto una grande partecipazione di pubblico. L’ex Ministro è stato intervistato dai direttori dei quattro quotidiani locali e dal direttore dell’ANSA.

Le risposte dell’on. Brunetta, precise e chiare, hanno riscosso vasti consensi espressi con applausi a scena aperta da parte del pubblico presente.

L’occasione politica si è concluso con l’intervento telefonico, in diretta, del Presidente Silvio Berlusconi che ha illustrato agli oltre mille partecipanti, tra cui molti qualificati rappresentanti della società civile, i principali punti programmatici del PdL.

°   °   °

70x100_SPOLETO.Alle ore 19.00 l’on. Brunetta è intervenuto a Spoleto ad un incontro organizzato da Carlo Petrini, neo coordinatore comunale, e dalla senatrice Ada Urbani. È stato un felice avvio per il nuovo coordinatore comunale, che ha saputo coinvolgere un gran numero di cittadini. Più di un’ora Brunetta ha illustrato, in una sala gremita di spoletini, i motivi veri della rinuncia generosa del Presidente Berlusconi, a favore del Governo Monti, sotto la pressione della speculazione finanziaria scatenata dai poteri forti europei contro l’Italia. Sono stati i successi di politica estera sull’approvvigionamento energetico di gas metano, ottenuti da Berlusconi e inutilmente perseguiti dai passati governi, a dare fastidio alle economie dei Paesi a cui appartengono questi soggetti internazionali che, per questo, hanno cominciato l’assalto all’Italia.

Dopo aver riconosciuto meriti e difetti, cose buone ed errori, Brunetta ha assicurato i presenti sulla assoluta fattibilità e sostenibilità del progetto politico del Pdl che è divenuto il vero protagonista della campagna elettorale, come dimostra il fatto che gli altri leader hanno dimenticato di fatto i propri deboli programmi politici e discutono solo le proposte del PdL.

Tra i presenti è serpeggiata una domanda: dove sono finite l’agenda/Monti e il programma del PD ?

Brunetta: a Monti la politica ha dato alla testal43-brunetta-monti-120908195957_medium

“Sono molto piu’ ferito quando dei cialtroni dicono di aver lasciato l’Italia in buone condizioni nel 2011 e che io l’avrei portata sul baratro, che non inorgoglito quando ricevo i complimenti di Obama”. Lo ha detto Mario Monti in diretta ad Agora’.

Al senatore risponde l’on. Renato Brunetta: “cialtrone e’ chi non mantiene la parola data. Cialtrone e’ chi si inventa i baratri che non esistono. Cialtrone e’ chi non dimostra con cifre e fatti le sue affermazioni. Cialtrone e’ chi svende l’Italia all’estero per un po’ di consenso all’interno. Cialtrone e’ chi fa la faccia feroce per un pugno di voti, dopo aver ricevuto dalla politica, cosi’ tanto disprezzata, potere, stipendi ed onori. Fa tristezza e pena questa deriva populistica del professor Monti. La politica, evidentemente, gli ha dato alla testa”.

La migliore risposta ad un personaggio,tecnico, ritenuto al di sopra delle parti,per diminuire il peso dello stato, mettere i conti a posto ,sviluppare il Paese- pacificare il clima politico. Risultati: i conti presentano fondamentali tutti in ribasso,il debito pubblico è aumentato di 85miliardi, il Paese si è bloccato :le imprese chiudono,il lavoro è finito come i consumi. Tutte le dichiarazioni fatte dal momento della sua nomina sono state da lui stesso smentite. Il personaggio,senza merito alcuno Senatore a Vita con stipendio a vita, non è attendibile anzi è un permaloso mentitore. Doveva pacificare i partiti troppo litigiosi e ”salito” lui  ,sono iniziati i veri insulti.

……………………………………………………………………………………………………………….

16 febbraio

Alle 17,.00 la senatrice Ada Urbani ha partecipato a Spoleto alla presentazione del libro di Andrea Giuliano presso la Biblioteca di Palazzo Mauri “La scena vuota – Il Teatro della depressione”.

Successivamente la senatrice Urbani si è recata a Montegabbione per un incontro politico con i cittadini dell’Alta Umbria orvietana.

Alle 19.00, di fronte ad un folto pubblico, è stato illustrato il programma del PdL con particolare riferimento alla diminuzione dei costi della politica, un impegno che il PdL ha preso da tempo con i suoi elettori.

La senatrice Ada Urbani ha ribadito che alla prima riunione il Governo, presieduto dal presidente Alfano, promulgherà una legge ordinaria per la cancellazione del finanziamento dei partiti; dimezzerà altresì l’emolumento per i parlamentari con legge ordinaria e con legge costituzionale verrà dato inizio all’iter di riforma dello Stato per modificare il titolo V della Costituzione ed operare così il ridimensionamento dei tanti organismi intermedi inutili e costosi. Questo passaggio consentirà di liberare risorse indispensabili per gli investimenti.

L’incontro, molto partecipato, ha visto la presenza del vice coordinatore provinciale Bruschini e della candidata Roberta Tardani. Ha coordinato l’amico Urbani.

IL PROGRAMMA DEL PDL
 Per un’Italia federale e unita: Nord, Centro e Sud protagonisti
• Piena attuazione della riforma federale come da Legge 42 del 2009
• I costi per i beni e i servizi, ivi compreso il costo per il personale, in tutte le regioni e gli enti pubblici, devono essere quelli relativi           al valore più basso (costi standard)
• Abolizione degli enti inutili
• Entro la fine della legislatura:
a) istituzione di macroregioni attraverso le intese di cui all’art. 117 penultimo comma della Costituzione
b) Attribuzione e utilizzo in ambito regionale, prevedendo la riduzione della pressione fiscale, di risorse in misura non inferiore al 75% del gettito tributario complessivo degli Enti di cui all’art. 114 della Costituzione prodotto nel singolo territorio regionale e che le risorse prodotte dal restante 25% del gettito tributario complessivo siano utilizzate dallo Stato per sostenere le spese dell’Amministrazione relative a funzioni non territorializzabili (p. es.: politica estera e interessi debito pubblico) e quelle relative alla perequazione nazionale
• Rilancio del Piano Nazionale per il Sud voluto e implementato dal Governo Berlusconi
• Riordinare le priorità: turismo; infrastrutture e ambiente; università e istruzione; innovazione, ricerca e competitività
• Utilizzare tutti i fondi comunitari disponibili attraverso il Piano di Azione e Coesione evitando sprechi e mancati impegni delle risorse, applicando gli stessi meccanismi sanzionatori, per le amministrazioni inadempienti, già previsti nell’ambito del federalismo fiscale

Riforma fiscale

a)Abbassare le tasse è fondamentale per lo sviluppo del paese: 100news-riforma-fiscale

– Eliminazione dell’IMU sulla prima casa

– No alla patrimoniale

– No all’aumento Iva

– Tendenziale azzeramento (in 5 anni) dell’Irap, a partire dal lavoro, con priorità alle piccole imprese e agli artigiani

– Diminuzione della pressione fiscale di 1 punto all’anno ( 5 punti in 5 anni)

– Detassazione degli utili reinvestiti in azienda

– Innalzamento limite uso del contante, con riferimento ai livelli medi europei

-Fiscalità di vantaggio come politica di sviluppo economico territoriale

b) Fisco amico e non nemico del contribuente:

– Assistenza preventiva degli uffici finanziari

– “Contrasto di interesse” i contribuenti possono scaricare dall’imponibile fatture e ricevute

– Concordato fiscale preventivo

– Revisione e riduzione dei poteri di Equitalia

– Revisione radicale del redditometro

– Costituzionalizzazione dei diritti del contribuente

– Compensazione tra crediti verso la PA e debiti fiscali, per le famiglie e per le imprese

– Generale semplificazione degli adempimenti fiscali delle PMI, degli artigiani e dei lavoratori autonomi senza struttura o con struttura di piccole dimensioni

……………………………………………………………………………………………………………….

15 febbraio

Incontro a Perugia

Ada Urbani parla su “la politica per la famiglia e le donne”

Ada Urbani parla su “la politica per la famiglia e le donne”

La senatrice Ada Urbani, insieme alla senatrice Nadia De Feo, al senatore Franco Asciutti e al consigliere regionale Maria Rosi, hanno incontrato, durante una riunione molto partecipata all’hotel La Rosetta di Perugia, numerose elettrici ed elettori.

Dopo aver analizzato le cause della “stagnate situazione economica attuale” la senatrice Urbani ha spiegato all’attenta platea le proposte che il presidente Berlusconi sta facendo per far riprendere consumi, produzione e lavoro.

Subito dopo la senatrice Urbani ha parlato delle proposte del PdL in tema di giovani e per le famiglie che sono i soggetti che maggiormente subiscono gli effetti della crisi amplificati dall’aumentato carico fiscale che il Governo Monti ha prodotto.

Incontro ad Alviano

castello di alvianoSempre il 15 febbraio, al castello di Alviano, alle ore 21, la senatrice Ada Urbani, con il consigliere regionale Nevi e i vertici del partito umbro, hanno incontrato un folto numero di imprenditori e cittadini per parlare delle proposte economiche del PdL. La senatrice Urbani ha anche analizzato la situazione politica che si va prefigurando con il voto. “Votare per protesta o non andare a imagevotare significa delegare ad altri la tutela dei propri interessi – ha detto la senatrice Urbani – Il PdL, dato in forte crescita anche in Umbria dimostra di essere l’unico partito con proposte concrete per il Paese, tanto che gli altri partiti discutono quotidianamente le proposte del PdL. Il presidente Berlusconi detta l’agenda elettorale, mentre dell’Agenda Monti non c’è più traccia”.

Programma del PdL per la Famiglia

 La persona e la famiglia sono al centro del nostro programma.

La difesa e il sostegno alla famiglia, comunità naturale fondata sul matrimonio tra uomo e donna, la promozione della dignità della persona e la tutela della vita, della libertà economica, educativa e religiosa, della proprietà privata, della dignità del lavoro, la solidarietà e la sussidiarietà saranno i punti di riferimento della nostra azione legislativa.

Punti programmatici:

  • Un fisco favorevole alla famiglia: a parità di reddito paghino meno tasse le famiglie più numerose (quoziente familiare)
  • Bonus bebè
  • Piano di sviluppo degli asili nido (anche aziendali nelle pubbliche amministrazioni)
  • Buono (o credito di imposta) per scuola, università per favorire la libertà di scelta educativa delle famiglie.
  • Rendere totalmente detraibili dall’imponibile fiscale le spese per l’educazione e l’istruzione dei figli.
  • Sostegni straordinari alle famiglie per l’assistenza ai disabili e agli anziani non autosufficienti.

……………………………………………………………………………………………………………….

14 febbraio

duomo_citta_di_castelloA Città di Castello, alle ore 18.00, si è tenuto un incontro indetto dal PdL con un buon numero di operatori commerciali e cittadini, alla presenza del senatore Grillo e del sottosegretario Boniver. La senatrice Ada Urbani, presente insieme ai responsabili regionali del Partito, ha parlato della necessità di affrontare l’emergenza economica con proposte incisive, in grado di far riprendere i consumi e l’economia.

All’incontro era presente anche il consigliere Sassolini, coordinatore comunale.

……………………………………………………………………………………………………………….

12 febbraio e 13 febbraio

TUTTI LITIGANO, NOI PARLIAMO DI PROGRAMMI trilaterale

Non si capisce più chi sta con chi, Bersani dice che non farà mai un accordo con Monti, Casini preoccupato dei sondaggi che danno l’Udc in forte ribasso (ovviamente a vantaggio della lista Monti), si premura di far sapere che è lui l’asse portante del polo di centro. Ma una certezza c’è per tutti gli elettori ed è il programma del PdL presentato prima dell’inizio della campagna elettorale e di cui da oggi iniziamo a pubblicarne le singole parti.

PROGRAMMA PDL

1. Istituzioni adeguate e moderne favoriscono lo sviluppo del paese

• Elezione diretta e popolare del Presidente della Repubblica• Rafforzamento dei poteri del Governo

• Riforma del bicameralismo, Senato federale, dimezzamento del numero dei parlamentari e delle altre rappresentanze elettive

• Revisione dei regolamenti parlamentari e snellimento delle procedure legislative, con tempi certi per l’approvazione delle Leggi

• Riordino e ulteriore semplificazione della legislazione vigente

• Abolizione delle Province tramite modifica costituzionale

• Con la piena entrata in vigore della riforma costituzionale sul pareggio di bilancio e della relativa Legge rafforzata, superamento del Patto di Stabilità interno per gli enti locali

2. Dimezzamento dei costi della politica

• Abolire il finanziamento pubblico dei partiti (nessun fondo pubblico ai partiti)

• Dimezzare tutti i costi della politica

3.Più Europa dei Popoli, meno euro-burocraziaeuropa

• Superamento di una politica europea di sola austerità

• Accelerazione delle quattro unioni: politica, economica, bancaria, fiscale

• Attribuzione alla Bce del ruolo di prestatore di ultima istanza, sul modello della Federal Reserve americana

Euro-bond e project-bond per una rete europea di sicurezza e di sviluppo

• Esclusione delle spese di investimento dai limiti del patto di stabilità europeo

• Elezione popolare diretta del Presidente della Commissione europea, e ampliamento

della potestà legislativa del Parlamento europeo

• Costituzione di una agenzia di rating europea

• Centralità dell’Italia nella politica Europea, nella Alleanza atlantica, nel dialogo euro/mediterraneo, nel rapporto con l’Est

• L’Italia in Europa e nel mondo a difesa della libertà, della democrazia, dei diritti umani, e delle libertà religiose

……………………………………………………………………………………………………………….

10 febbraio

10 febbraio, giornata del ricordo. Ada Urbani:

‘Mai più la politica dell’odio’.

Foibe11La senatrice del PdL Ada Urbani, nel ‘Giorno del Ricordo’ degli avvenimenti drammatici che accaddero a cavallo del 1945, quando migliaia di persone vennero torturate e uccise dai partigiani comunisti jugoslavi di Tito, ha dichiarato: “A sessant’anni di distanza vogliamo far conoscere questa tragedia italiana a chi non ne ha mai sentito parlare, a chi sui libri di scuola non ha trovato il capitolo ‘foibe’, a chi non ha mai avuto risposte alla domanda ‘cosa sono le foibe?’. Vogliamo ricordarla – ha continuato la senatrice Urbani – per il rispetto che dobbiamo a quegli italiani che dalle terre d’Istria e di Dalmazia sono dovuti fuggire, cacciati dalla furia slavo-comunista e che, a guerra ormai finita, in migliaia hanno perso la vita per mano di partigiani comunisti. Un crimine agghiacciante, nato dall’odio politico e che non deve mai più ripetersi. Mai più foibe, mai più odio in politica”.

 

……………………………………………………………………………………………………………….

 9 febbraio

ADA URBANI

‘Al primo posto i diritti del bambino’

A seguito delle notizie allarmanti, diffuse in questi giorni dai media, sull’aumento di foto[1]richieste all’estero (Stati Uniti e Svizzera) per effettuare inseminazioni artificiali e adozioni, anche da parte di coppie gay, la senatrice del PdL Ada Urbani, che aderisce alle tesi espresse anche dal Forum della Famiglie, ha dichiarato: “La legge italiana sulle adozioni mette al primo posto l’individuazione del miglior bene possibile per il bambino e non il desiderio della coppia. Avere un figlio non è un ‘diritto’. Il bambino ha bisogno, per una evoluzione psicologica equilibrata, di una figura maschile e una figura femminile, cosa che una coppia omosessuale non può garantire. Sono dunque perfettamente in sintonia con quanto espresso dal presidente dell’Associazione Scienza e Vita – ha continuato la senatrice Urbani – quando dice che a volte potremmo essere di fronte addirittura a veri business, dove la vita di un bambino viene ridotta a merce. Chi pensa che qui siano in gioco i diritti dei gay dimentica del tutto i diritti dei bambini. Diritti che non smetterò di tutelare”.

……………………………………………………………………………………………………………….

8 febbraio

ALFANO A PERUGIA

‘Zero tasse per chi assume’

Angelino Alfano, incontrando gli elettori umbri prima a Perugia e poi a Terni, ha riscosso angelino-alfano pg terniun convinto consenso. “Il nostro programma fiscale – ha detto il segretario del PdL – è molto chiaro: noi diciamo di ‘no’ all’introduzione della patrimoniale, diciamo di ‘no’ all’aumento dell’IVA, sosterremo zero tasse per 5 anni per gli imprenditori che assumono i giovani; ribadiamo il ‘no’ all’IMU sulla prima casa per gli anni a venire e il rimborso dell’IMU per quanto è stato pagato sulla prima casa nel 2012.

Alfano ha presentato i candidati umbri del PdL alle prossime elezioni e poi ha dichiarato: “Siamo dell’idea che Bersani non governerà, neanche con la stampella del senatore a vita, che, salito in politica, intervista dopo intervista, (vedi l’endorsement della Bignardi) sta scendendo lungo il crinale del dissenso dei tanti italiani cui ha fatto male. Il nostro recupero – ha concluso Alfano – è evidente ed è sotto gli occhi di tutti e lavoriamo per avere un pieno successo sia alla Camera che al Senato”.

……………………………………………………………………………………………………………….

   7 febbraio 

Chi è credibile

Di

Ada Urbani*

 

Se Berlusconi propone di abolire l’IMU sulla prima casa e restituire quella pagata nel 2012, spiegando con precisione come intende coprire il mancato gettito, il commento degli antagonisti è: compra i voti degli elettori e disturba i mercati finanziari. Perché è chiaro che un’operazione da 8 miliardi di euro (tra mancato incasso del 2013 e restituzione del 2012), sui quasi 800 miliardi di spesa pubblica, se viene programmata dal PDL è solo fumo negli occhi.ada con berlusconi+

Se l’operazione invece che da 8 miliardi è da 7 e mezzo, ma a dirlo è Bersani, gli applausi scrosciano. Ovviamente ‘a sinistra’ non si parla di IMU. L’operazione, di spesa pubblica, non di restituzione dei soldi ai cittadini, l’ha descritta per il PD lo stesso Bersani: “Facciamo 1 e mezzo, 3 e 3; totale 7 miliardi e mezzo di investimenti in tre anni per ristrutturare le scuole, gli ospedali e fare un po’ di progetti ambientali”.

Faceva prima a dire ‘facciamo un tanto al chilo e non se ne parli più’. E poi quello che non è credibile è Berlusconi !

*Candidata PdL al Senato

      

       ……………………………………………………………………………………………………………….. 

 

            6 febbraio

ADA URBANI A SPOLETO:

‘Incentivare le imprese che assumono’

foto cercasi lavoroAda Urbani, candidata al Senato per il PdL, incontrando gli elettori del circondario di Spoleto ha rilanciato la proposta di detassare le nuove assunzioni per tre anni.

Le imprese che si impegneranno a fare questo meritano di essere premiate. Del resto costa  molto di più, allo Stato, mantenere i lavoratori in cassa integrazione, al di fuori del circuito produttivo. Una soluzione che umilia anche le persone che ne beneficiano. Rendere produttive le risorse disponibili è un modo per far diminuire i costi di una crisi che pesa in Italia più che altrove a causa della quantità enorme delle tasse che il Governo Monti, complice la sinistra, ha imposto a famiglie e imprese. Occorre invertire la rotta – ha detto la senatrice Urbani – per consentire di uscire dai diktat della Germania ed assumere, in Europa, un ruolo autonomo e propositivo”.

             ………………………………………………………………………………………………………………..

santino ada urbani 5 febbraio

ADA URBANI:NECESSARIO IL VOTO UTILE

Non dividere i moderati

In questo momento cruciale per il Paese – ha dichiarato la senatrice del PdL Ada Urbani – è assolutamente necessario non dividere il voto dei moderati. Il PD, che nel programma include le proposte della CGIL, pensa alla patrimoniale e al mantenimento  del potere burocratico, pensa anche di riuscire a piegare Bruxelles su quei vincoli che l’Unione europea ci impone e che stanno fiaccando la nostra economia.

Queste proposte non servono all’Italia, se vogliamo farla ripartire economicamente e ricreare quel lavoro che il Governo Monti ha distrutto.

Ritengo, ascoltate le valutazioni e, più spesso, le urla di dolore che raccolgo tra i cittadini che Mario Monti, come ha detto Berlusconi, sarà solo ‘un fenomeno passeggero, una comparsata nella politica italiana. Per poi svanire’. Da parte nostra non vedo alcuna possibilità di collaborare né con lui né con Fini e con Casini, che conosciamo purtroppo bene e sappiamo di che pasta sono fatti e, soprattutto, quanto siano capaci di fare esclusivamente gli interessi dei loro piccoli partiti.

Abbiamo sostenuto il Presidente Monti sperando soprattutto che realizzasse, da professore qual è, quella rivoluzione culturale della quale il Paese ha tanta necessità, creando un dialogo tra popolo e politica, e riannodando i rapporti tra finanza ed economia reale. È per questo che abbiamo votato sempre la fiducia al Governo, ogni volte che ci è stata prospettata, fin quando non ci siamo resi conto che ad ispirare l’operato del Governo erano solo le teorie finanziarie, senza nessuna attenzione agli effetti che tale misure procuravano ai cittadini e all’economia reale. Nell’ordine delle priorità di Monti veniva prima Bruxelles, poi la finanza e, da ultimo, i cittadini. È qui che decidemmo di staccare la spina. Certo, l’avremmo dovuto fare prima, abbiamo sbagliato; è umano. Ma non abbiamo perseverato, che sarebbe stato diabolico.

Purtroppo, con rammarico e nel massimo rispetto della persona, per la sua cultura e per la sua formazione, in Monti uomo politico non possiamo che riconoscere un piccolo, passeggero protagonista elettorale, alleato con i due vecchie volpi, in campo già dall’83, trent’anni fa ! Con loro non potrà procedere ad alcun rinnovamento della politica, né pensare ad una uscita rapida dalla crisi”.

 ………………………………………………………………………………………………………………..

                                                                                           4 febbraio

 ADA URBANI

Una scelta di civiltà

Sottoscrivo la raccolta firme del Movimento per la Vita, volta a far sì che le Istituzioni europee riconoscano agli embrioni gli stessi diritti delle persone, come del resto già la Corte di Giustizia europea si è espressa con sentenza del 18 ottobre 2011. Sosterrò con Logo Io corro per la famigliaconvinzione tale iniziativa anche quale membro dell’Associazione parlamentare per la vita, che col collega De Lillo abbiamo costituito un anno fa. Come Associazione, ci stiamo battendo perché la vita umana, dal concepimento e fino alla morte, venga tutelata perché in questo concetto sono contenuti tutti i valori fondanti la nostra civiltà.

Fermo restando che non si tratta di negare i diritti individuali, dei quali ogni singolo è libero di disporre come crede, qui si tratta di difendere diritti che non sono negoziabili e che sono parte fondante del programma politico del Popolo delle Libertà.

 ………………………………………………………………………………………………………………..

3 febbraio

La scelta è tra PD e PdL

Le contraddizioni di Monti

intervento_senato_adaNon bisogna nascondersi dietro grandi parole: la contesa elettorale è tra PD e PDL. Solo questi due partiti hanno l’opportunità di guidare il Paese, dopo il 24 febbraio, a meno di una pericolosa empasse dovuta a quanti daranno troppi voti a formazioni che possono testimoniare disagio verso la politica, ma che, alla fine, rischiano di ‘punire’ solo l’Italia.

In campo c’è anche Mario Monti. La sua coalizione pare che prenderà meno voti di Beppe Grillo. Doveva essere l’uomo della Provvidenza, ‘il taxi per Casini e Fini’ per tornare su nuove poltrone extralusso. Ha sbagliato il Capo del governo a scendere in politica, quando avrebbe dovuto restare fuori dalla competizione o, al limite, non rinnegare quel campo moderato sul quale ha costruito la sua intera carriera, (ricordo che fu Berlusconi a nominarlo Commissario italiano nell’Unione europea). Oggi smentisce se stesso promettendo di ridurre quelle tasse che proprio lui ha aumentato a dismisura; ha sbagliato a scegliersi in Italia alleati come Fini e Casini e all’estero come Angela Merkel e funzionari europei alle prese con il fallimento economico e strategico dell’Europa. Figuriamoci se proprio loro possono dire all’Italia che cosa fare, per chi votare.

Monti rischia di andare a ‘Chi l’ha visto’. Noi ci prepariamo per la finale di Champions.

……………………………………………………………………………………………………………….

2 febbraio

Silvio Berlusconi continua la sua campagna elettorale

E ribadisce i suoi impegni per gli Italiani

Silvio BerlusconiI problemi del Paese sono tanti e complessi ma la politica non deve essere avulsa dalle necessità dei cittadini per questo,

Nel corso della conferenza stampa tenuta a Milano, finalmente Silvio Berlusconi svela la notizia (che la stampa aveva annunciato con il termine “shock”). Silvio Berlusconi ha promesso infatti che, se otterrà la fiducia degli italiani, nel primo Consiglio dei ministri non solo abolirà l’IMU prima casa, ma restituirà quella pagata nel 2012.

Non si tratta della solita promessa elettorale destinata ad entrare nel dimenticatoio, come quella di altri che smentiscono se stessi, perché il leader della coalizione di centrodestra ha anche indicato dove trovare i soldi necessari a coprire i costi di questo nuovo provvedimento a favore dei cittadini.

Ha quindi spiegato l’accordo che farà con la Svizzera ( seguendo l’esempio di altri paesi europei che già hanno questi accordi bilaterali), per la tassazione delle attività finanziarie detenute dai cittadini italiani in quel paese.

Il Pdl per primo ha proposto l’abolizione dell’IMU e poi sia Bersani che Monti si sono accodati. Succederà anche per la restituzione dell’IMU?

Ricordiamo infine che Berlusconi mantiene gli impegni: aveva promesso di abolire  nel primo consiglio dei Ministri utile del 2001 la tassa di successione e lo ha fatto; aveva promesso nel 2008 di abolire la ICI per la prima casa e di ripulire Napoli dai rifiuti in una settimana lo ha fatto !

E cosa hanno fatto il PD prima e il PD e Monti dopo ? hanno reintrodotto la tassa di successione e l’ICI, sotto forma, ben peggiore, di IMU, che nulla ha a che vedere con quella federale proposta dal precedente Governo che doveva solo riunificare tutte le imposte comunali !

……………………………………………………………………………………………………………….

1 febbraio

ADA URBANI

‘Sottoscrivo il patto del Parlamentare’

La senatrice Ada Urbani, durante un incontro, ha dichiarato: “Mentre il Presidenteintervento_senato Berlusconi sta ormai terminando la redazione del nuovo patto con gli elettori, nel quale certamente ci saranno importanti azioni per il rilancio economico del Paese, ho sottoscritto il “Patto del parlamentare” che il PdL ha predisposto per tutti i candidati.

Oltre al dimezzamento del loro stipendio dei futuri parlamentari, mi impegno a votare anche la totale abolizione del finanziamento pubblico ai partiti. E la riforma della Costituzione con il dimezzamento del numero dei parlamentari.

Credo che sia giusto rimettere al centro del dibattito politico questi punti sui quali il Partito Democratico sembra aver calato un velo di silenzio.

Non dimenticare di abbattere i costi della politica e l’inutilità di un numero di deputati e senatori superiore a quella degli Stati Uniti (che hanno sei volte la nostra popolazione) è un atto di onestà intellettuale verso gli elettori e una partecipazione non certo simbolica alla diminuzione della spesa pubblica.

 

 ……………………………………………………………………………………………………………….

manifesto_ada

……………………………………………………………………………………………………………….

foto3

Sant’Anatolia-Venerdì 1. Inizio campagna elettorale BASSA UMBRIA. Le
valutazioni politiche dei candidati.

foto2

Venerdì 1 febbraio- Spoleto Conferenza stampa per ufficializzazione nomina
nuovo coordinatore cittadino in Carlo Petrini.

foto

Venerdi 1 febbraio Terni -Palazzo del Governo : presentazione candidati PDL
camera e senato.

foto

Martedi 29 gennaio – Perugia: presentazione candidati PDL camera e senato.

………………………………………………………………………………………………………………………………….

Teatro-Capranica-Imc

Teatro Capranica – Roma

ROMA TEATRO CAPRANICA: SILVIO BERLUSCONI ACCENDE L’ENTUSIASMO DEI CANDIDATI

Il PDL inaugura la campagna elettorale

Il teatro è gremito di tante persone entusiaste, in gran parte candidati per ascoltare Silvio Berlusconi e Angelino Alfano. E’ l’inizio ufficiale della campagna elettorale, il clima è quello di chi gioca fino in fondo la partita. “Sono tornato per vincere, non per pareggiare al Senato” dice Silvio Berlusconi ed è questa la missione per tutti i candidati, che siano quelli già certi di entrare in Parlamento o abbastanza accreditati o che siano semplicemente candidati di servizio, cioè donne e uomini disposti a mettersi in gioco per dare testimonianza di un impegno civile. Un invito a tutti di tornare a casa a correre nel proprio territorio per conquistare quanti più voti possibili. Alla domanda se il mondo cattolico avesse abbandonato il PDL, il Presidente Berlusconi risponde: “no, non credo. E’ un consenso al quale teniamo molto ed abbiamo dalla nostra parte tantissimi motivi per pensare che non sia così. Cattolico è parola che deriva dal greco e significa su tutta la terra e i cattolici italiani presenti nel nostro partito sono molti. Il Pdl è particolarmente orgoglioso di questa presenza e di quanto fatto dal nostro Governo, così come dalla nostra maggioranza il Parlamento, sulla difesa della vita, sventando ogni attentato ai principi dettati da quei valori non negoziabili che fanno parte della nostra ideologia, per questo ritengo che il voto cattolico scelga noi: un partito laico di uomini e donne libere che ha la libertà come religione laica e il rispetto di quei valori. Siamo per la tolleranza e non sposiamo alcun fondamentalismo”. L’ex premier ribadisce, con fermezza, di non aver fatto “alcuna apertura ai matrimoni gay, e a tutte le tematiche sull’argomento salite negli ultimi tempi all’onore della cronaca ,ma disponibile a ragionare sulla possibilità del riconoscimento di alcuni diritti civili alle unioni di fatto qualora ci fosse una maggioranza a voler legiferare su questi temi”.

Sen Ada Urbani

……………………………………………………………………………………………………………….

giornata della memoria27 gennaio 2013 – GIORNO DELLA MEMORIA

Oggi, 27 gennaio, si celebra il Giorno della memoria, per ricordare le tante vittime dello sterminio nazifascista. Moltissime sono le città italiane che hanno organizzato manifestazioni celebrative, cercate quella più vicina a voi. Fare memoria di questa tragica pagina della storia è un bel modo per trascorrere la domenica.

……………………………………………………………………………………………………………….

 Speciale Elezioni 2013 – SE VE LO SIETE PERSO

Non è stato Silvio Berlusconi a dire: “Equilibrio, moderazione, sobrietà e riservatezza per i magistrati, anche sul piano dei rapporti con i media e con la politica” o almeno, lo dice da tanto tempo e gli danno del matto. Lo ha ribadito il Presidente della Corte di Appello di Milano nel discorso di apertura dell’anno giudiziario dopo che gli stessi concetti erano stati detti dal Primo presidente della Corte di Cassazione. Anche di fronte al Presidente della Repubblica e al presidente del Consiglio.

……………………………………………………………………………………………………………….

IL PDL IN CRESCITA NEI SONDAGGI

“Credo che abbiamo compiuto un piccolo miracolo recuperando 10 punti in meno di un mese”. Così si è espresso Silvio Berlusconi ricordando il sondaggio Euromedia che alla Camera vede il Centro/destra a circa tre punti dal Centro/sinistra, mentre al Senato la partita sarebbe già sul filo della parità. “Esiste ancora un numero importante di elettori che sono nell’area del non voto. Gran parte di questi elettori, quasi il 50%, sono elettori che nel 2008 ci avevano dato il loro voto” – continua Berlusconi in un’intervista rilasciata al Telegiornale dell’emittente T9 –  “Ho fiducia che noi possiamo portare a casa gli elettori del 2008 ancora indecisi. Con questo confido di poter avere la maggioranza e di utilizzarla subito per modificare la Costituzione e rendere il nostro Paese finalmente governabile”.

……………………………………………………………………………………………………………….

ABBASSARE LE TASSE

“Abbassare le tasse è fondamentale per lo sviluppo del Paese” – ha dichiarato la senatrice Ada Urbani partecipando ad una trasmissione televisiva. Questo argomento, centrale nel programma del Pdl, è invece “negato, nella realtà, dal Partito Democratico di Bersani ‘a trazione Vendola-Cgil’, il quale perpetua il ritornello ‘tassa e spendi’, che è l’ottica con cui amministra l’Umbria e le regioni rosse”. Famiglie e imprese, letteralmente strangolate nel 2012 nella morsa austerità/tasse del governo Monti, dovranno combattere, nel 2013 – se non ci sarà un cambio nella politica di governo – con una pressione fiscale destinata a superare il 45% del Pil (previsione Prometeia). “Complessivamente – ha dichiarato la senatrice del PdL – questo costerà un aggravio di circa 500 euro a famiglia, che si aggiungerà ai 1.500 euro di prelievi operati nel primo anno di governo Monti. Si tratta del record mondiale della pressione fiscale che si attesterà al 68%, mentre quella per i lavoratori (fisco più contributi) varia dal 66% al 77% (altro record mondiale). Si può continuare così ?”.