Crisi dell’azienda Lyondell-Basell di Terni

giovedì, dicembre 15th, 2011 @ 1:31PM

Al Presidente del Consiglio dei ministri e ai Ministri dello sviluppo economico e del lavoro e delle politiche sociali -

Premesso che in risposta all’atto di sindacato ispettivo 3-01254 del 31 marzo 2010 riguardante la crisi dell’azienda Lyondell-Basell, il Governo, in data 28 aprile 2010, si è impegnato a “mantenere aperto il tavolo di confronto fino a quando non si riesca a trovare soluzioni adeguate e si siano esplorate tutte le strade possibili”;

premesso, inoltre, che:

la dirigenza della multinazionale Lyondell-Basell Industries, terza azienda mondiale della chimica, sembra ormai decisa a chiudere la propria attività produttiva nello stabilimento di Terni, benché lo stesso sia attivo sul piano della resa economica;

in particolare, la stessa multinazionale ha rifiutato offerte di acquisto totali o parziali dell’azienda ternana da parte di Novamont, andando decisamente verso la chiusura dell’impianto umbro, con ciò depotenziando la chimica italiana che si indebolirebbe sul piano strategico, produttivo e del know how a livello internazionale, pur essendo l’Italia un forte consumatore di prodotti chimici;

a breve (31 dicembre 2011) dovrebbe scadere per una settantina di lavoratori il beneficio della cassa integrazione guadagni (CIG) e, tranne la ricollocazione in un’azienda a Ferrara di una decina di dipendenti, non è dato sapere con certezza come la Basell intenda tutelare i lavoratori cassintegrati,

si chiede di sapere:

se il Governo sia a conoscenza della involuzione nelle trattative in corso da tempo tra le parti sociali per scongiurare la chiusura dello stabilimento della multinazionale Lyondell-Basell Industries di Terni e se non ritenga opportuno promuovere iniziative al fine di assicurare l’attività produttiva nell’importante caposaldo nel secondo polo chimico italiano e, con essa, tutelare tutta la chimica italiana;

come, in ogni caso, intenda tutelare i lavoratori per i quali è imminente la scadenza della CIG.

Posted by
Categories: Interrogazioni

No comments yet. Be the first!

You must be logged in to post a comment.