SCELTO IL DAY HOSPITAL PER L’ABORTO FARMACOLOGICO Nella logica del “fare in fretta e da sole” Di ADA SPADONI URBANI

martedì, novembre 16th, 2010 @ 3:22PM

L’ultimo ad intervenire sulla questione della RU486, la pillola abortiva, è stato il segretario regionale del Partito Democratico, per dire che “la politica resti fuori dalla pillola abortiva”, “che la mozione del PDL sulla questione è stato un atto ipocrita” e che “il PD ha una posizione netta e chiara sulla questione”. Trasecolo !La politica, il PD in prima linea, si interessa della RU486 e delle attività sanitarie non solo per motivi ideali, ma anche perché sempre, sotto, ci sono questioni economiche.Allora diciamola tutta. Non è in ballo solo un aborto che si ritiene meno doloroso ed invasivo. C’è anche la questione che con la pillola si risparmia denaro, specie se si va in day hospital, come ha scelto l’Umbria. Meglio di noi hanno fatto Piemonte (la Regione dove si sono avute le prime sperimentazioni), Veneto, Lazio, Lombardia, Sardegna e Sicilia che hanno scelto per il ricovero.Tra l’altro, l’aborto, in Italia, ai sensi della legge 194, deve essere effettuato “in regime di ricovero ordinario, nelle strutture sanitarie, in presenza di una specifica sorveglianza da parte del personale sanitario”. L’Umbria è attualmente fuori dalla previsione della legge.Non è una questione di norme: il fatto è che la RU486 presenta rischi per le donne non inferiori al metodo chirurgico. Quando addirittura non fallisce e occorre ricorrere al metodo chirurgico.Anche per questo la pillola abortiva non sta andando affatto bene. La regione che ne ha comprate di più è il Piemonte: 842. Il Lazio ne ha chieste 15 confezioni, la Calabria appena 5. Le rosse Marche solo 70. Circa tremila in tutta Italia. Colpa del 72% dei ginecologi che ha effettuato obiezione di coscienza, dicono. O forse di una solitudine totale che aggiunge dramma a dramma.“Fare in fretta e da soli”: questa è la logica della RU486 e del day hospital. Una fretta che fa sempre più considerare l’aborto un metodo contraccettivo. E la vita umana meno di niente.Non so se la politica dovrebbe stare zitta di fronte a queste considerazioni. Io non ci starò di sicuro.

*SENATORE PDL

Posted by
Categories: Comunicati Stampa

No comments yet. Be the first!

You must be logged in to post a comment.