COMUNICATO STAMPA DEL SENATORE URBANI :“SULLA RESTITUZIONE DELLA BUSTA PESANTE INTERVENGA ANCHE LA REGIONE”

giovedì, maggio 29th, 2008 @ 10:50AM

Intervenendo in Senato sul dibattito per la conversione in legge del decreto 61/2008 che regolamenta la restituzione della busta pesante, il sen. Ada Urbani (PdL) annuncia il suo voto favorevole pur avanzando riserve sulla copertura finanziaria del provvedimento. Ha infatti osservato l’inadeguatezza dei fondi che la finanziaria del Governo Prodi ha stanziato per evitare la restituzione oer intero dei versamenti tributari e il pagamento dei contributi dovuti da coloro che, colpiti dal sisma del settembre ’97, beneficiarono della sospensiva.

“La restituzione del 40% del dovuto da cittadini e imprese, – ha dichiarato il sen. Urbani – rateizzato in dieci anni (120 rate) e senza interessi, è comunque il massimo che si poteva fare alla luce delle norme europee che impediscono aiuti di stato. Vista l’aspettativa ingenerata sulla possibilità di una resa del solo 10% dell’importo dovuto, qualora si vogliano sostenere i contribuenti gravati da questo debito residuale e che presentino condizioni di difficoltà non superate, anche in considerazione del fatto che la ricostruzione e il rilancio economico delle zone terremotate è ancora parziale, deve essere la Regione ad intervenire, in maniera mirata e selettiva. Cosa che, per altro, potrebbe molto difficilmente fare invece una norma statale. Rimando quindi al mittente le polemiche sollevate da qualche Consigliere regionale che sembra non conoscere che i fondi sui quali si poteva contare erano esclusivamente quelli previsti dalla legge finanziaria e non convertire il decreto Prodi sarebbe servito solo a far pagare il 100% del dovuto”.

“Piuttosto ha sollevato in me notevole perplessità e contrarietà il fatto che per finanziare il decreto in oggetto ( che riguardava anche il funzionamento del dipartimento di protezione civile ) siano stati intaccati fondi accantonati in particolare destinati alle riforme dei ministeri, della pubblica istruzione, della giustizia e per io beni culturali.”

Posted by
Categories: Comunicati Stampa

No comments yet. Be the first!

You must be logged in to post a comment.