Fautori della libertà di espressione hanno eliminato il pericolo: il Santo Padre non parlerà all’Università “La Sapienza” di Roma.

giovedì, gennaio 17th, 2008 @ 10:55AM

 Il Papa non ha cercato lo scontro e non ha voluto una prova di forza: pur se invitato, di fronte ai difensori della laicità dell’Università ha deciso di non andare. I docenti e gli studenti non ascolteranno Benedetto XVI e il pensiero della Chiesa, che avrebbe parlato sulla pena di morte. Anche se tutti in Italia sanno che le Nazioni Unite hanno votato la moratoria contro questa condanna non solo per l’azione politica del nostro Paese, ma anche per il grande aiuto che abbiamo ricevuto dalla diplomazia vaticana: la più ascoltata del mondo.

Forse a qualcuno avrebbe fatto male sentire che ci sono ancora milioni di morti innocenti, gli esseri umani abortiti, eliminati magari per il solo fatto di essere di genere femminile, per i quali la moratoria non vale. Ma è un richiamo così duro da ascoltare ? così fuori tema ?

La libertà della scienza può davvero fare a meno perfino del confronto ?

È una scelta che non condivido. La libertà vera c’è quando c’è il dialogo, altrimenti si ascolta solo se stessi. So che la maggioranza dei docenti e degli studenti dell’ateneo romano la pensano così, ma una minoranza ha imposto una visione del dialogo che può paragonarsi a quella della persona che tutto il giorno sta da sola, pensa e si dà ragione.

A costoro, come scrisse il grande Edoardo De Filippo, “Ditegli sempre di sì” !

Posted by
Categories: Comunicati Stampa

No comments yet. Be the first!

You must be logged in to post a comment.